Home / Magazine / WebGiornale / Cultura / Impegno civile al Mav, con ‘Movimenti per la fotografia’ Caracò e Radio Siani

Impegno civile al Mav, con ‘Movimenti per la fotografia’ Caracò e Radio Siani

“Movimenti per la fotografia”. Questo il nome della rassegna fotografica ospitata da quattro strutture museali partenopee. Dal 24 novembre al 16 dicembre si alterneranno alcune mostre di fotografi napoletani conosciuti in tutto il mondo per il loro lavoro. Ad ospitare le mostre di immagini contemporanee e d’autore il Pan, il Mav, Villa Pignatelli e il Museo di Capodimonete.
Si è partiti con la mostra fotografica di Mario Spada ‘Nero Scampia’, venticinque scatti per raccontare il quartiere di Napoli nord. L’autore, presente sabato pomeriggio al Museo archeologico virtuale di Ercolano ha raccontato gli escamotage che ha utilizzato per lavorare in tranquillità nelle Vele di Scampia, come ad esempio portare le sfogliatelle agli spacciatori, per evitare di essere aggredito.
Il festival dell’immagine ideato da Pino Miraglia, e promosso dall’associazione culturale ‘180° Meridiano’, in collaborazione con ‘Camerachiaraimage’ e ‘Fondazione Cives’, è il “primo evento di questo genere messo in piedi per la città di Napoli e la sua provincia”, ha dichiarato l’organizzatore.
L’inaugurazione della mostra fotografica di Mario Spada di sabato 24 al Mav è stata accompagnata dalla presentazione di un libro sull’impegno civile. “La giusta parte Testimoni e storie dell’antimafia” edito da Caracò e curato da Mario Gelardi, uomo di teatro, impegnato da diversi anni a farsi portavoce di storie spesso dimenticate di vittime innocenti e gente che lotta le mafie nel quotidiano. Dal teatro alla letteratura, così come questa pubblicazione andata in ristampa nelle ultime settimane dopo essere stata pubblicata lo scorso anno. Nella seconda edizione è stata aggiunta la storia di Gianluca Cimminiello, raccontata dal giornalista de ‘Il Mattino’ di Caserta Vincenzo Ammaliato. Storia interpretata dall’attore Ivan Boragine che ne ha letto un estratto.
L’impegno civile come filo conduttore dell’incontro ha visto anche la partecipazione del coordinatore di Radio Siani, Giuseppe Scognamiglio, il quale ha colloquiato con Mario Gelardi, Mario Spada e Ciro Oliviero, uno degli autore dell’antologia di storie antimafia, sull’importanza di informare ed educare le nuove generazioni rispetto a queste storie di vita quotidiana.
La mostra di Mario Spada resterà al Mav fino al prossimo 9 dicembre, mentre dal 2 al 15 Villa Pignatelli ospiterà ‘Vite sospese’ di Francesco Cito.

Stefano Malla

Ascolta la presentazione

{music}MP3/audioarticoli/Movimenti.mp3{/music}

Vedi Anche

Gegè Telesforo: “Il segreto? E’ scegliere i partners giusti. Io e Arbore due afro-meridionali curiosi”

Si intitola “Big Mama Legacy” il quindicesimo album di Gegè Telesforo pubblicato lo scorso 1 …