Home / Magazine / WebGiornale / Cultura / L’arte strappata alla mafia in esposizione a Reggio Calabria

L’arte strappata alla mafia in esposizione a Reggio Calabria

Stiamo parlando di pezzi d’arte come un De Chirico, due Fontana, un Guttuso, Dalì, Sironi e Carrà, apposti in cucine, soggiorni, bagni e sparsi così nelle case del boss dei videopoker Gioacchino Campolo, che amava ostentare così la sua ricchezza e la sua presunta conoscenza dell’arte italiana, presunta perché molti quadri si sono rivelati dei falsi. Di certo lui aveva la necessità di reinvestire i proventi delle sue attività illecite nel giro delle scommesse ai videopoker. Ebbene, tutta la sua collezione d’arte è stata sequestrata in via definitiva, 125 tele di un periodo compreso tra il Seicento ed il Novecento, che sono già fruibili alle visite dei curiosi, dal giorno 7 maggio a Reggio Calabria, presso il grande Palazzo della Cultura.

Fabio Noviello

di Fabio Noviello

Vedi Anche

Almamegretta: “Il Mediterraneo un mare di morte, con Sanacore realizzammo le nostre idee”

A 25 anni di distanza dall'album che segnò la carriera artistica degli Almamegretta la storica band partenopea torna con una versione rimasterizzata di “Sanacore”, disco fondamentale della cultura musicale italiana degli anni 90', disponibile in fisico e digital remaster con l'aggiunta di due brani inediti d'archivio: “Tamms Dub” e “Heartical Dub,”un dub prodotto da da D.raD e un pezzo strumentale mixato da Adrian Sherwood ( produttore discografico e dub master britannico).