Home / Magazine / WebGiornale / Cultura / Radio Siani nelle scene del film “Sarà un Paese”

Radio Siani nelle scene del film “Sarà un Paese”

Nicola Campiotti ha scelto di inserire nel suo film la storia della web radio della legalità della città degli Scavi e del movimento antiracket che ha contribuito alla nascita del “modello Ercolano”, riferimento per quelle città che fanno della lotta alle mafia un obiettivo  fondamentale.

Mercoledì 13 maggio 2015 alle 21 il film sarà proiettato in anteprima a Napoli presso il cinema Ambasciatori (via Francesco Crispi, 33). Sarà presente una delegazione di Radio Siani.

Nel film è presente anche una scena girata proprio negli studi di Radio Siani e tra le strade di Ercolano. La storia del racket e della lotta alle estorsioni dei camorristi ai danni dei commercianti. Una storia di riscatto. Umano, civile e sociale.

“Sarà un Paese” è un film “che nasce da un’urgenza forse più di partecipazione civile che di ambizione cinematografica. Nasce dal desiderio di immaginare e documentare un’Italia diversa”, si legge dalle note di regia. Un film che racconta molte sfaccettature del Paese Italia. Dai diritti dei lavoratori alla tutela del suo paesaggio. Dal multiculturalismo multireligioso e multietnico al rispetto delle regole e della legalità. Questi e molti altri i temi che Nicola Campiotti è riuscito a raccontare nei settanta minuti che compongono la pellicola.

“Sarà un Paese non esaurisce e non completa i temi che si propone di esplorare. Piuttosto li pone, per i più giovani, come seme, proposta, spunto di riflessione”, ha dichiarato Nicola Campiotti.

Redazione

di Redazione

Vedi Anche

Ufo degli The Zen Circus: “Nell’Ultima Casa Accogliente raccontiamo suggestioni, fallimenti e risurrezioni”

L'ultima Casa Accogliente è il nuovo album di inediti degli The Zen Circus. Il disco arriva a due anni di distanza da “Il fuoco in una stanza” e dalla loro partecipazione al Festival di Sanremo e alla pubblicazione del romanzo anti-biografico “Andate tutti Aff..”. A parlarci del nuovo album è Massimiliano “Ufo” Schiavelli, che ci racconta la genesi di questo nuovo progetto, tra visioni, idee e suggestioni di una band protagonista da vent'anni della scena rock italiana.