Home / Magazine / WebGiornale / Cultura / ‘Voci per la Libertà’: Amnesty tra musica e diritti umani

‘Voci per la Libertà’: Amnesty tra musica e diritti umani

Un’edizione davvero esplosiva quella che la manifestazione: Voce per la Libertà – Una Canzone per Amnesty propone a giovani artisti emergenti. “Sei un musicista? E sei pronto a diffondere le tue canzoni!? Noi stiamo allestendo un’edizione davvero esplosiva, con un concorso musicale che può essere un’ottima vetrina per i tuoi pezzi” si legge tra lo righe dell’informativa apparsa sui social network. Il Premio Web (per gli iscritti entro il 7 marzo 2015) darà agli aspiranti artisti una ghiotta opportunità: essere conosciuto, ascoltato e votato dagli internauti (al vincitore un pacchetto promozionale offerto dal Meeting delle Etichette Indipendenti) mentre la fase live del Premio Amnesty International Italia Emergenti con semifinali e finali che si terranno il 17 e il 19 luglio 2015 a Rosolina Mare, avrà luogo sullo splendido palco che sarà allestito per l’occasione. Palco che i giovani musicisti condivideranno con big della scena italiana.

Per partecipare all’iniziativa basta avere una canzone a sostegno dei diritti umani e iscriversi entro il 18 aprile 2015 (entro il 7 marzo 2015 se si vuole concorrere anche al Premio Web), seguendo quanto dice il bando presente sul sito www.vociperlaliberta.it 

“Grazie alla collaborazione con DeltArte anche quest’anno avremo il contest nell’ambito della videoarte: 3 minuti per 30 articoli – affermano gli organizzatori – concorso che assegna un riconoscimento a chi esalta al meglio uno o più articoli contenuti nella Dichiarazione universale dei diritti umani, attraverso un cortometraggio”.

Per partecipare, basta presentare entro sabato 18 aprile 2015, un video della durata massima di tre minuti. Tutti i dettagli sono presenti all’interno dei siti www.vociperlaliberta.it e www.deltarte.com 

Dalla terra più giovane d’Italia si alza il canto dei diritti umani, anche quest’anno a Rosolina Mare. Un anno dato che la manifestazione compie 18 anni e Amnesty International Italia arriva a 40 anni. Un doppio compleanno che spinge ad arricchire l’offerta culturale e a moltiplicare le iniziative in favore dei diritti umani, con sorprese che lo staff dell’evento svelerà man mano durante i prossimi mesi.

Accanto al concorso dedicato agli emergenti, come tradizione vuole, c’è anche quello per i big Premio Amnesty International Italia. Tra tutte le proposte arrivate entro il 16 febbraio 2015 alla mail info@vociperlaliberta.it Amnesty International Italia e Voci per la libertà sceglieranno i dieci titoli da sottoporre ai giurati.

Nelle scorse edizioni il premio era stato assegnato a ‘Il mio nemici’ di Daniele Silvestri, ‘Pane e coraggio’ di Ivano Fossati, ‘Ebano’ dei Modena City Ramblers, ‘Rwanda’ di Paola Turci, ‘Occhiali rotti’ di Samuele Bersani, ‘Canenero’ dei Subsonica, ‘Lettere di soldati’ di Vinicio Capossela, ‘Mio zio’ di Carmen Consoli, ‘Genova brucia’ di Simone Cristicchi e ‘Non è un film’ di Fiorella Mannoia e Frankie Hi-Nrg, ‘Gerardo Nuvola ‘e povere’ di Enzo Avitabile e Francesco Guccini e ‘Atto di forza’ di Max e Francesco Gazzè. Radio Siani sarà media partner dell’iniziativa.

Mimmo Caiazza

Vedi Anche

“Sogno o sold out”, presentata la stagione 2024/2025 del Teatro Sannazaro di Napoli

 Tra tradizione e contemporaneità il Teatro Sannazaro di Napoli celebra i 30 anni della scomparsa …