Home / Magazine / WebGiornale / Cultura / Spazza Music Fest alla Mostra d’Oltremare

Spazza Music Fest alla Mostra d’Oltremare

SPAZZA MUSIC FEST
a cura di SUONI LIBERI
prodotto dal Forum universale delle culture
di Napoli e Campania

03 OTTOBRE 2014
MOSTRA D’OLTREMARE – NAPOLI
Evento prodotto dal Forum delle Culture di Napoli
Ideazione e organizzazione: Marta Totaro
Direzione artistica: Maurizio Capone BungtBangt

Il podcast dell’intervista di Radio Siani a Maurizio Capone.

Lo SPAZZA MUSIC FEST, evento prodotto dal Forum delle Culture di Napoli, nasce dalla voglia di condividere e diffondere un messaggio di creatività sostenibile con l’obiettivo di accrescere una coscienza sociale soprattutto nei più giovani, attua al rispetto, valorizzazione e conservazione del proprio patrimonio ambientale innanzitutto e poi artistico e culturale.
Questo evento vuole essere inoltre un momento di riflessione e di dibattito sul tema dell’educazione multiculturale e dell’educazione interculturale utilizzando un linguaggio universale come quello della musica, per abbattere qualsiasi barriera culturale legata alla proprie origini attraverso il confronto e la contaminazione di culture di provenienza differenti, ampliando cosi il concetto di educazione alla multiculturalità, fino a farlo diventare uno dei postulati formativi necessari ad una pacifica convivenza sociale innanzitutto e poi artistico. I temi del riciclo creativo e della creatività sostenibile saranno infatti trasversali ai vari momenti in cui si articolerà l’evento, al fine di educare la cittadinanza al rispetto dell’ambiente e della propria città. Si parte in mattinata con l’iniziativa di pulizia dell’ambiente dello spazio antistante alla
Mostra d’Oltremare dove verrà raccolto materiale di riciclo utile per il Workshop “RiciclArte” in cui i protagonisti saranno gli studenti stessi di diversi istituti scolastici della provincia di Napoli che aderiranno all’iniziativa ambientale, al Workshop e a seguire all’esibizione della “Piccola Orchestra BungtBangt”, orchestra percussiva formata dai ragazzi del laboratorio permanente creato da Maurizio Capone nell’Istituto comprensivo Falcone-Catullo nel quartiere 219 di Pomigliano d’Arco.
L’evento prosegue in tardo pomeriggio con la presentazione ufficiale del documentario “Le Pattuglie di Pastellessa” per la regia di Nicola Tranquillo, viaggio antropologico nell’antica cultura popolare campana delle botti e dei bottari, fino ad arrivare a sera con la rassegna di concerti che, avvalendosi del linguaggio musicale, si propongono l’obiettivo di declinare, valorizzandoli, i temi della diversità, dell’eco sostenibilità e del multiculturalismo. Questo evento vuole quindi sottolineare contemporaneamente l’aspetto multiculturale e socialmente stratificato della città di Napoli visto come valore aggiunto, nei termini di accoglienza e di ricchezza. La cultura in questo senso si presenta come strumento atto ad una trasformazione dei processi sociali, favorendo integrazione socio-culturale e lotta alle discriminazioni. Saranno presenti diverse Associazioni che operano nell’area dell’ecosostenibilità.

EVENTO CULTURALE dedicato all’ Ecologia e al Multiculturalismo
– H. 10,00 Iniziativa di Salvaguardia Ambientale
– H: 10,30 Workshop “RiciclArte”
– H: 11,45 Esibizione “Piccola Orchestra BungtBangt”
– H: 20,00 Presentazione ufficiale documentario “Le Pattuglie di Pastellessa” (I Bottari di Portico)
– H: 21,00 Concerti:CAST ARTISTICO:
CAPONE & BUNGTBANGT (Napoli)
RICICLATO CIRCO MUSICALE (Marche)
LE PATTUGLIE DI PASTELLESSA (Le Botti di Portico di Caserta)
Ospiti:
DALAL SULEIMAN (dance performer)
THIEUF (Senegal)
PATRIX DUENAS (Cuba)
ELIO 100gr & SERIO dei BISCA

Programma
Ore 10.00:
Iniziativa di Pulizia a cura di Maurizio Capone “BungtBangt” per la raccolta di rifiuti da utilizzare
all’interno del Workshop

Ore 10.30:
Workshop RICICLARTE a cura di Maurizio Capone “BungtBangt”

Ore 11.45:
Esibizione: “PICCOLA ORCHESTRA BUNGTBANGT”
Orchestra percussiva formata dai ragazzi del laboratorio permanente creato da Maurizio Capone nell’Istituto comprensivo Falcone-Catullo nel quartiere 219 di Pomigliano d’Arco. Il Workshop “Materiale di riciclo e Costruzione strumenti musicali”si prefigge l’obiettivo di sensibilizzare le giovani generazioni sui temi della sostenibilità ambientale, in particolar modo sui rifiuti e il recupero delle aree degradate, nonchè sul riutilizzo di quest’ultimi in maniera creativa favorendo momenti di riflessione e socializzazione sul tema della conservazione e valorizzazione del proprio territorio oggetto dell’intera manifestazione.
Il laboratorio ospiterà alunni provenienti da diversi istituti scolastici della provincia di Napoli presentandosi come un’opportunità per le scuole per contribuire alla costruzione e al miglioramento della coscienza sociale dei giovani studenti napoletani protagonisti della loro vita sociale e del loro territorio interagendo in prima persona direttamente con la realtà. Ospite d’eccezione la “Piccola Orchestra BungtBangt” ideata da Maurizio Capone per gli istituti d’istruzione con ragazzi a rischio, che si esibirà a fine laboratorio per tutti i ragazzi presenti.
Aperto al pubblico ingresso libero.

Ore 20.00:
Presentazione in anteprima nazionale del documentario “Le Pattuglie di Pastellessa” per la regia di Nicola Tranquillo sulla storia delle Botti e dei Bottari di Portico di Caserta (CE). Il documentario si presenta come un viaggio di ricerca socio-antropologica sulle tradizioni locali con l’obiettivo di far crescere una coscienza sociale soprattutto nei più giovani attraverso la storia del proprio territorio.

Ore 21.00: Inizio rassegna musicale “Spazza Music Fest”
21.15/21.45 LE PATTUGLIE DI PASTELLESSA
21.50/22.35 RICICLATO CIRCO MUSICALE
22.45/23.45 CAPONE & BUNGTBANGT + OSPITI
23.45/00.00 FINALE INSIEME
L’evento musicale sarà registrato e ripreso come documento audio – video dell’intera serata.
Sarà allestista una Mostra Fotografica sul tema del Multiculturalismo realizzata in Africa dal fotografo Nicola Tranquillo.
Saranno presenti diverse Associazioni che operano nell’area dell’ecosostenibilità.
Ingresso libero
Evento gemellato con l’iniziativa di Legambiente “Puliamo il Mondo” realizzata nell’ambito del Protocollo di intesa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Direttore artistico: Maurizio Capone “BungtBangt”
Progettazione: Imma Carpiniello
Ideazione e organizzazione: Marta Totaro Suoni Liberi
Suoni Liberi music management & label
Marta Totaro
info@suoniliberi.com
www.suoniliberi.com

 

CAPONE & BUNGTBANGT
La Band è tra le pioniere della eco – music mondiale. Specializzato nella creazione e nell’utilizzo di strumenti musicali realizzati con materiali riciclati, Capone da vita ad un nuovo genere musicale, la Junk Music – un mix tra hip hop, reggae e funkadelik napoletano – che ad oggi è ascoltato in varipaesi del mondo. Il gruppo ottiene nel tempo un grande successo in Italia, dove partecipa ad importanti Festival nostrani come la partecipazione alla Paranza di Daniele Silvestri durante il Festival di Sanremo, in televisione da Maurizio Costanzo show e nel mondo. Nelle scuole delle zone a rischio di Napoli ha ad esempio fondato un’orchestra formata da più di 100 ragazzi che suonano strumenti riciclati. Nel 2004 Capone si è recato per due volte a Cuba doveha avviato un laboratorio permanente con i bambini della Escuela de Arte nella città di Bayamo, fondando un gruppo di BungtBangt cubani per poi fonderli con i BungtBangt italiani in un unico grande ensemble musicale e fare concerti in Italia e a Cuba.
Ma Capone è anche ambasciatore di un messaggio di creatività sostenibile attraverso l’attivazione di seminari, laboratori, workshop.

RICICLATO CIRCO MUSICALERICICLATO CIRCO MUSICALE è una band Italiana, delle Marche, formatasi nel 2006. Quattro musicisti provenienti da generi ed esperienze artistiche completamente differenti, ma con una caratteristica in comune: la passione per la ricerca e la continua sperimentazione sonora. I “RCM” utilizzano materiali di recupero ed oggetti di uso per costruire strumenti di ogni tipo, dai più classici e contemporanei, come la Chiteja, il Bassolardo, la Buzzeria, ai più tradizionali-etnici, come il Battifon o il Barattolao, fino ad arrivare alla creazione, invenzione di nuovi strumenti come la Medusa e il Casalingatore. Da alcuni anni i “RCM” stanno esplorando il mondo dei nuovi rifiuti tecnologici e del loro riutilizzo attraverso la musica, questa deformazione professionale votata alla ricerca ha spinto il gruppo ha creare un nuovo genere musicale, appunto l’Elettrodomestica. Un bosco inesplorato di suoni incredibili, prodotti usando rifiuti e materiali di scarto elettronici come vecchie radio o elettrodomestici vari. Questi rifiuti contemporanei hanno generato una nuova famiglia di strumenti, quindi un nuovo stile di musica fatto di composizioni e brani originali
che mescolano timbri inaspettati allo stile world/pop dei Riciclato Circo Musicale.

 

LE PATTUGLIE DI PASTELLESSA (I Bottari di Portico). Il modo di fare musica delle PATTUGLIE DI PASTELLESSA nasce da un’antica tradizione che narra che i contadini, nel tentativo di scacciare gli spiriti maligni dagli angoli bui delle loro cantine, percuotevano freneticamente botti, tini e falci, attrezzi impiegati nel quotidiano lavoro nei campi. Questo rituale si ripeteva anche all’aperto per propiziare un buon raccolto e durante le tradizionali fiere agricole per evidenziare la robustezza degli attrezzi da un lato e dall’altro per attirare l’attenzione dei passanti. Nata come rituale pagano, questa tradizione è confluita nella festa religiosa di S. Antonio Abate (17 gennaio), durante la quale vengono costruiti dei carri a forma di barca e decorati con foglie di palma, a rievocare la traversata via mare per raggiungere l’Italiadall’Egitto da parte del Santo. Gruppo musicale tra i più suggestivi ed autentici dell’intero panorama della World Music, che nasce a Portico (CE), nel cuore della Campania contadina, su iniziativa di Pasquale Romano. Gli strumenti utilizzati sono botti, tini e falci, usati come percussioni e scandiscono arcaici ritmi processionali, con accompagnamento di canti tradizionali, legati alla tradizionale coltura della canapa in terra di lavoro.

DALAL SULEIMAN (dance performer)
Danzatrice e Attrice napoletana nata da padre palestinese, diplomata alla Scuola di Teatro ”Laboratorio Teatrale Permanente del Teatro Elicantropo” di Napoli diretto da Carlo Cerciello. Partecipa come ballerina al film “Passione” di Jhon Turturro girato a Napoli. Danzatrice e performer del gruppo musicale SYNAULIA, diretto dal musicologo Walter Maioli, studioso dell’arte naturalistica preistorica, basato su un progetto di recupero del patrimonio artistico etrusco e dell’antica Roma. Protagonista come attrice e danzatrice dello spettacolo teatrale: “I trionfi di Venere e Marte” per la regia di Andrea Vitali al Teatro Cervia (RA); “Nata sotto una pianta di datteri” per la regia di Gigi Di Luca con Pamela Villoresi per il Napoli Teatro Festival; “Antigone” di Valeria Parrella per la regia di Luca De Fusco al Teatro Stabile Mercadante per il Napoli Teatro Festival; “L’opera da tre soldi” diB. Breacht, per la regia di Luca De Fusco, con Massimo Ranieri, per il Napoli Teatro Festival. Attrice nel video clip ‘O Pitbull” di Ciccio Merolla, per la regia di Gennaro Silvestro, protagonista del video musicale “Notte” dei Bisca e “Vieni Via”del gruppo Rione Junno per la regia di Big bang Production. Partecipa nel ruolo di danzatrice con i Synaulia alle riprese della prima puntata televisiva di Super Quark 2009/2010 per Rai 1 dedicata all’antica Roma. Danzatrice stabile nel gruppo KOLEDARI di danze etno- Mediterranee, diretto da Cinzia Musella.

 

 

Comunicato stampa

Vedi Anche

Ciak Speaking:  il primo corso sulla comunicazione magnetica per il digitale

Da Edward Norton a Gwyneth Paltrow passando per Will Ferrell e Jessica Alba. Tanti sono …