Home / Magazine / WebGiornale / Economia / Corte Ue, contro le concessioni di spiagge in Italia

Corte Ue, contro le concessioni di spiagge in Italia

Secondo la Corte Ue le concessioni delle spiagge italiane vanno messe all’asta, in quanto si tratta di beni demaniali marittimi. La proroga attuata fino al 31 dicembre del 2020 per lo sfruttamento turistico di beni demaniali marittimi prevista dalla legge italiana ‘impedisce di effettuare una selezione imparziale e trasparente dei candidati’. Una presa di posizione che in realtà era già nell’aria dopo che la proroga delle concessioni aveva già incassato il ‘no’ della Commissione europea, in quanto l’assegnazione di territori demaniali va fatta tramite selezione pubblica. 

Fabio Noviello

di Fabio Noviello

Vedi Anche

Otto miliardari possiedono ricchezza di 3,6 miliardi di persone

La forbice economica tra ricchi e poveri aumenta sempre di più in maniera vertiginosa. Un …