Home / Magazine / Diritti / Lampedusa o dell’esteso deserto

Lampedusa o dell’esteso deserto

Un Corano, una teiera, una Bibbia, un bicchiere da tè. Una radio, una torcia. E poi Vangeli, pezzi di stoffa e altri oggetti di vita quotidiana. Sono  le cose perse dai migranti durante la traversata del Mediterraneo e restituiti dal mare. Ritrovati sulla spiaggia di Lampedusa o all’interno delle barche. Lo racconta Massimiliano Gatti, un fotografo che ha cercato di ricostruire le storie dei migranti attraverso questi ritrovamenti. La mostra dal nome ‘Lampedusa o dell’esteso deserto’ nell’ambito di Arte Fiera sarà in esposizione dal 21 gennaio a Bologna presso la Raccolta Lercaro di Bologna e resterà aperta fino all’8 marzo 2015. 

Fabio Noviello

Vedi Anche

UNICEF su GIORNATA CONTRO LO SFRUTTAMENTO DEL LAVORO MINORILE

Dichiarazione di Catherine Russell, Direttore generale dell’UNICEF Per la prima volta dal 2000 è aumentato …