Home / Magazine / Diritti / Ridiamo vita al Plesso Nosengo

Ridiamo vita al Plesso Nosengo

Questo pomeriggio si è tenuta l’Assemblea pubblica per la riapertura delle attività all’interno del Plesso Nosengo nel Rione Traiano di Napoli, in stallo oramai da dicembre a causa di un guasto ad una montante idrica. In un quartiere che da sempre è noto come una terra fertile per gli sviluppi degli affari illeciti, e soprattutto per la forte dispersione sociale e scolastica dei ragazzi lì residenti, non è possibile che un guasto di questa natura possa mettere a rischio il lavoro di tante realtà che occupano quel plesso, che da anni ormai rappresentano un punto di riferimento non solo per ragazzi, ma bensì per tutti gli abitanti della zona, che troppo spesso hanno dovuto assistere inermi alle manifestazioni di criminosa forza delle organizzazioni criminali.

Nel plesso trovano vita come dicevamo diverse realtà operanti nel sociale, dalla cooperativa sociale ‘L’Orsa Maggiore’, un comando dei vigili urbani, una chiesa Evangelica, e l’Associazione ‘Erga Omnes’ come dice il nome stesso ‘verso tutti’, che da anni svolge attività socio-culturali, per bambini ed adulti, ospitando scuole e altre associazioni del territorio. Insomma realtà che nella nostra terra riescono a mostrare le giuste alternative alla via criminale. Abbiamo quindi approfondito la questione con Carmen Capone volontaria dell’Associazione ‘Erga Omnes’, riportandovi un estratto del comunicato postumo all’incontro, «Oggi, 29 febbraio 2016, alle ore 15.00, sotto una pioggia battente, più di 200 persone hanno risposto all’appello dell’associazione Erga Omnes e della cooperativa Orsa Maggiore per chiedere a gran voce che i lavori di ripristino della struttura vengano iniziati e portati a termine al più presto dagli organi competenti.
A dare risposte alla comunità è intervenuto l’assessore al patrimonio del Comune di Napoli Alessandro Fucito, che ha dichiarato: […] la notizia della rottura della conduttura idrica risale al 27 gennaio, dunque 33 giorni fa, tempo necessario affinché la società Napoli Servizi, per conto del Comune di Napoli, esaminasse l’intera tubazione idrica della struttura e gli eventuali danni alla stessa che richiedono un monitoraggio. Oggi stesso, al massimo domani, sarà approvata l’indagine delle fondamenta, nei prossimi trenta giorni si completerà l’analisi sulla stabilità e, contestualmente, si riparerà tutto il sistema idrico della struttura. Il preventivo del progetto è di circa 120 mila euro che con il ribasso arriverà a 70 mila euro, che sono nella disponibilità del Comune di Napoli […]L’assessore stesso ha sollecitato un nuovo incontro intorno al 20 marzo, per fare il punto della situazione e verificare, tutti insieme, quanto stabilito nell’assemblea e rassicurare le persone presenti allarmate sui tempi di ripristino dei luoghi.
Numerose le associazioni del territorio presenti all’Assemblea…tante le mamme e le maestre dell’asilo nido “Nosengo”, unico sul territorio di Soccavo ad ospitare bambini così piccoli, che stanno vivendo un grande disagio per la momentanea dislocazione in altra struttura, poco adatta alle loro quotidiane esigenze. Ha voluto testimoniare la propria solidarietà anche una rappresentanza del corpo docenti della SMS Falcone e SMS Russo di Pianura, che da anni portano avanti, con la collaborazione dell’associazione Erga Omnes, due importanti progetti scolastici: “Il volo di Pindaro” e “La pagina che non c’è”.
Toccanti le parole delle mamme dei piccoli che ogni giorno frequentano questo luogo: […]la Nosengo non può e non deve chiudere. I nostri figli sono cresciuti qui, questa è la loro seconda casa. Grazie al lavoro di queste realtà associative vengono strappati dalla strada, vengono protetti e guidati verso un futuro migliore. Per molti rappresenta l’unico luogo alternativo alla strada, un luogo dove poter esprimere se stessi in sicurezza. […].

Noi aspettiamo, ancora una volta, fiduciosi! Questa città, questo quartiere ha bisogno di mamme, di papà, di bambini, di giovani, che insieme proteggano e difendano strutture come la Nosengo. “La nostra forza è più efficace delle camionette della Polizia o dell’Esercito”.
Vogliamo credere alle parole e all’impegno dell’assessore Fucito e del Comune di Napoli, nella consapevolezza che il tempo è per la struttura tutta PREZIOSO e VITALE».

Fabio Noviello

Vedi Anche

“Il volontariato ai tempi della pandemia: come e perché raccontarlo”. Ecco il convegno del CSV Napoli per la Giornata del Volontariato e i 10 anni di Comunicare il Sociale

Celebrare la Giornata internazionale del Volontariato e festeggiare i 10 anni dalla fondazione di “Comunicare il Sociale”. Questo il senso del convegno “Il volontariato ai tempi della pandemia: come e perché raccontarlo”, organizzato dal CSV Napoli per venerdì 4 dicembre alle ore 17.00.