Home / Magazine / Vittime Innocenti / 9 maggio: Due vittime

9 maggio: Due vittime

9 Maggio 1978 Cinisi (Pa), un giorno che è rimasto nella storia della lotta alla mafia, muore Peppino Impastato, un ragazzo che ha deciso di abbattere il muro dell’omertà che tutta la popolazione di Cinisi aveva costruito per paura dell’allora boss indiscusso di Cosa Nostra, Tano Badalamenti. Impastato con la sua Radio Aut, nella trasmissione Onda Pazza, usa la satira per sbeffeggiare i capimafia e i politici locali rivelando trame illecite e attività illegali, ovviamente il bersaglio preferito era proprio Badalamenti che abitava appena cento passi da casa Impastato. Peppino morì il giorno 9 maggio 1978 dilaniato da una bomba posizionata sui binari, Badalamenti venne condannato per l’omicidio di Impastato solamennte l’11 aprile del 2002 come mandante dell’omicidio, mentre gli esecutori materiali non sono mai stati condannati.

9 Maggio 1990 Palermo, vine ucciso Giovanni Bonsignore dirigente della Regione Sicilia che aveva deciso di opporsi alla concessione di un finanziamento non leggittimo chiesto da un consorzio agroalimentare. Ha pagato con la vita la sua intransigenza sul lavoro. Dopo la suma morte, si verificò quello che lui denunciava, che effettivamente quel finanziamento di trentotto miliardi era illeggittimo. Nel 1991 fu insignito della medaglia d’oro al valore civile alla memoria.

Fabio Noviello

Vedi Anche

18 ottobre: Nove vittime

18 Ottobre 1984 Palermo. Strage di Piazza Scaffa. Furono uccise 8 persone, per dare un …