Home / Magazine / Legalità / Educazione alla legalità, firmata carta d’Intenti

Educazione alla legalità, firmata carta d’Intenti

L’educazione alla legalità dovrebbe essere uno dei punti chiave dell’istruzione del nuovo millennio in Italia. Un primo passo è stato fatto con la sigla della Carta d’Intenti tra l’Associazione Nazionale Magistrati, la Direzione Nazionale Antimafia, l’Autorità Nazionale Anticorruzione e il Miur.

“La corruzione – ha dichiarato il ministro Giannini – è un reato non solo in senso giuridico, ma anche etico che pone chi lo commette dalla parte dell’Italia che non vogliamo” e da cui i giovani possono essere allontanati con un percorso di “conoscenza, coscienza ed educazione”.

Le azioni concrete di questo documento prevedono l’utilizzo dei social media e di piattaforme informatiche, che, grazie al linguaggio più vicino alle nuove generazioni permetterà un maggiore coinvolgimento degli studenti. La Carta d’Intenti prevede seminari, percorsi di formazione e progetti educativi anche per gli insegnanti, in modo che gli stessi siano formati e riescano meglio ad approcciarsi agli studenti su questi temi. 

Stefano Malla

Vedi Anche

Nicola Gratteri, nuovo Procuratore Capo di Napoli

I nostri migliori auguri di buon lavoro al nuovo Procuratore Capo di Napoli Nicola Gratteri! …