Home / Magazine / Vittime Innocenti / 23 dicembre: Diciassette vittime

23 dicembre: Diciassette vittime

23 Dicembre 1946 Baucina (PA). Muore Nicolò Azoti, segretario della Camera del Lavoro, dopo due giorni di agonia. Il 21 gli avevano sparato cinque colpi di pistola alle spalle. Vicino ai diritti dei contadini, fu ammazzato proprio per questo, ma prima di morire fece i nomi dei suoi assassini.

23 Dicembre 1984. Strage treno 904 NA-MI – S. Benedetto in Val di Sambro (BO). In quella galleria sono rimasti i corpi di quindici persone e centinaia ne sono usciti feriti in maniera anche gravissima, alcuni morendone a distanza di anni. Una strage sulla quale aleggiano le ombre di interessi e legami coinvolgenti, a vario titolo, criminalità organizzata comune e criminalità mafiosa.

23 Dicembre 1995 Trapani. Assassinato davanti a moglie e figlia, Giuseppe Montalto, Agente custodia all’Ucciardone di Palermo. “Vittima del Dovere”.

Fabio Noviello

Vedi Anche

Vittime innocenti: 9 giugno

1989 Salvatore Incardona2000 Maurizio Cernacchiaro 1989Salvatore IncardonaDi 50 anniUcciso a Vittoria (RG) Salvatore Incardona è …