Home / WebRadio / Vip blog / AcinoEbbro Food&Wine / Acino Ebbro – Radio Siani: Raffaele Moccia, vignaiolo eroico alle porte di Napoli

Acino Ebbro – Radio Siani: Raffaele Moccia, vignaiolo eroico alle porte di Napoli

Raffaele Moccia è un vignaiolo eroico che ha scelto da sempre di dare alla sua vita la forma desiderata.

E’ una forma circolare, quella dei crateri Agnano e Astroni, posizionati uno accanto all’altro, e nel mezzo, nel punto di congiunzione, si trovano le viti di Raffaele.

 

Piante centenarie che frequenta da bambino, tra le quali è cresciuto, imparando ad amarle e a lavorare questo terreno così difficile. Sono tanti i valori racchiusi tra i filari un po’ disordinati di Agnanum, antichi nell’idea di impianto che vuole piena armonia con l’ambiente, rendendo unico questo luogo e straordinari i vini. Raffaele custodisce, tra le altre cose uniche e rare, la memoria delle tecniche specifiche, indispensabili per condurre la vigna, ed il linguaggio ricco di termini dialettali strettamente legati all’attività vitivinicola locale.

 

E’ uno dei pochi “vutecari”, praticamente una sorta di ingegneri della vigna, specializzati nel progettare, costruire e manutenzionare le tarrazze vitate in questa zona con esigenze specifiche, dettate dalla natura del suolo costituito in superfice da un alto strato di cenere – quindi molto friabile e polveroso. La pioggia le laverebbe via verso valle se non fossero sapientemente, e costantemente, manutenzionate. Tra i dieci ettari si preserva un ampio vigneto storico con piante che sfiorano i 200 anni.

 

La sua piccola azienda, Agnanum, portata avanti con il padre ultra ottantenne e il figlio Gennaro, si trova tra le colline di Agnano, quelle visibili appena usciti dalla tangenziale. Si coltivano i vitigni tipici del territorio, falanghina per il vino bianco, e piedirosso, o per’ ‘e palumm’, per il rosso. Grazie al suo impegno sono sopravvissute anche alcune viti di muscatello, di uva gesummina, caprettone, catalanesca.

 

I vigneti fanno parte delle Vigne Metropolitane di Napoli, essendo Agnano un quartiere a nord della città che mantiene un incredibile primato, seconda in Europa, dopo Vienna, per l’estensione delle vigne entro le sue mura. I vini di Raffaele sono molto apprezzati per l’esclusività delle espressioni che riconducono a questi suoli così unici e alla personalità di chi dà loro vita. Rientrano nella doc Campi Flegrei della quale sono raffinati rappresentanti che ogni anno ricevono eccellenti riconoscimenti dalle guide del settore.

 

Marina Alaimo

di RockG

Vedi Anche

Lo chef stellato Domenico Iavarone ospite ad Acino Ebbro

Domenico Iavarone, chef del ristorante Josè di Torre del Greco, ha appena ricevuto la stella Michelin.