Home / Magazine / Legalità / Giù le mani dalla Masseria Antonio Esposito Ferraioli

Giù le mani dalla Masseria Antonio Esposito Ferraioli

Appuntamento lunedì 12 ottobre alle ore 15.00, presso il Bene Confiscato con il presidente della Commissione antimafia Morra e i parlamentari autori dell’interrogazione.

“Giù le mani dalla Masseria ‘Antonio Esposito Ferraioli’” è la manifestazione di solidarietà organizzata, dopo le ennesime minacce e intimidazioni, che avrà luogo, lunedì 12 ottobre alle ore 15, presso il Bene confiscato in via Lampedusa S.N.C. Afragola (accesso seguendo via Enrico Berlinguer nei pressi complesso commerciale Leroy Merlin) a cui parteciperanno oltre ai rappresentanti del Consorzio Terzo Settore, della Cgil di Napoli, della Cooperativa Giancarlo Siani, della Cooperativa l’Uomo e il Legno, dell’Associazione di Volontariato Sott’ e’ ncoppa anche il presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra, che ha così voluto rivolgere la propria attenzione e dell’intera Commissione alla vicenda.

 

Nel corso dell’iniziativa sarà illustrata l’interrogazione urgente a firma dei parlamentari Sandro Ruotolo, Valeria Valente e Paola Nugnes e indirizzata al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese sui gravi atti intimidatori e ritorsivi, (esplosione di 21 colpi di pistola a salve, danneggiamenti e furti) contro la Masseria ‘Antonio Esposito Ferraioli’.

 

Da tempo questo Bene confiscato, il più grande dell’area metropolitana di Napoli che comprende un fabbricato rurale non agibile di mille metri quadri e 12 ettari di terreni, circa 120 mila metri quadri, sottratti vent’anni fa ai clan, e che da tre anni è diventato un presidio di legalità grazie a un importante percorso di riuso sociale, è finito nel mirino di un coacervo di interessi affaristi e malavitosi.

 

cs

di RockG

Vedi Anche

A trenta anni dalla costituzione della prima associazione antiracket, l’ACIO di Capo D’Orlando

A trenta anni dalla costituzione della prima associazione antiracket, l'ACIO di Capo D'Orlando, un evento online sarà l'occasione per dialogare sul movimento antiracket nella società civile italiana, insieme a don Luigi Ciotti, a rappresentanti del giornalismo, delle istituzioni e della società civile. Sarà presente il Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese.