Home / Magazine / Legalità / Legalità, Cultura e Ambiente: il nostro futuro, la nostra ricchezza – FOTO E VIDEO

Legalità, Cultura e Ambiente: il nostro futuro, la nostra ricchezza – FOTO E VIDEO

Il 5 maggio 2017 presso il Real sito di Carditello, si è svolto l’evento “Legalità, Cultura e Ambiente: il nostro futuro, la nostra ricchezza“, organizzato dall’ANM (Associazione Nazionale Magistrati) – Giunta Esecutiva Sezione di Napoli presieduta dal Procuratore Aggiunto Pierpaolo Filippelli; segretario Carla Sarno; tesoriere Angelo Napolitano e i suoi componenti: Francesco Chiaromonte, Antonio D’Amato, Gabriella Marchese e Silvana Sica.

Una giornata dedicata all’arte, alla speranza e alla rinascita attraverso i valori della legalità, la ricchezza della cultura ed il rispetto dell’ambiente.

Con i saluti della Presidentessa del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere Maria Gabriella Casella, il Procuratore della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere Maria Antonietta Troncone e la coordinatrice dell’Ufficio di Sorveglianza, l’incontro ha visto le testimonianze di:

– Cosimo Rega: attore, regista, scrittore ed ergastolano, che ha deciso di dedicare la sua vita al teatro e alla scrittura fondando nel 2002 per la prima volta a Rebibbia un gruppo teatrale, oggi noto come la compagnia teatrale dei “Liberi Artisti Associati”. Poi l’incontro con i fratelli Taviani e la proposta di girare un film “Cesare deve morire”, premiato alla 62esima edizione del Festival di Berlino con l’Orso d’Oro;

Radio Siani: è la Webradio della Legalità, Anticamorra e Denuncia sociale. Interviene Giuseppe Scognamiglio, Presidente della Cooperativa Sociale Giancarlo Siani che gestisce il progetto “Radio Siani” che trasmette programmi che promuovono la legalità all’interno della abitazione confiscata a Giovanni Birra, capo clan di Ercolano, ed ubicata in quella che era la stessa roccaforte del clan Birra-Iacomino, e si occupa anche della produzione di pomodori del Vesuvio in un terreno confiscato alla camorra ercolanese.

Il chitarrista Francesco Buzzurro, uno dei più importanti e talentuosi musicisti del panorama internazionale secondo la rivista di settore “Musica Jazz” ha intrattenuto la platea con un medley di canzoni classiche napoletane e moderne, accompagnato dal coro delle Voci Bianche del Teatro San Carlo di Napoli.

A seguire, l’esibizione dei detenuti della Casa Circondariale di Carinola e concerto del Coro delle voci Bianche del Teatro San Carlo diretto da Stefania Rinaldi.

di RockG

Vedi Anche

Libera presenta Rapporto “Il Triangolo pericoloso. Mafie, corruzione e pandemia”

Mafia meno incline alla violenza ma maggiormente legata ai professionisti/colletti bianchi