Home / Magazine / WebGiornale / Sport / Nuovo terremoto giudiziario in casa Juventus

Nuovo terremoto giudiziario in casa Juventus

Un vero e proprio terremoto giudiziario sta per scatenarsi di nuovo nel mondo del calcio. Le accuse alla società juventina, parlano di incontri segreti tra Agnelli e i capigruppo di clan malavitosi, per la gestione della vendita dei biglietti per gli eventi sportivi dei bianconeri. Questa nuova indagine della Procura della Figc, pare abbia aperto anche uno stralcio all’interno della dirigenza della Juventus, in quanto, intrecciandosi con l’altra indagine, sempre sui biglietti, aperta dalla Procura federale in novembre, quando il capo Giuseppe Pecoraro concluse l’istruttoria che ruota attorno all’articolo 12 del codice di giustizia sportiva sulla ‘prevenzione di fatti violenti’. Pare che la Procura federale abbia riscontrato in maniera agevole una responsabilità della Juventus, e che la sanzione potrebbe essere di tipo pecuniario, anche se per gli episodi più gravi è prevista la squalifica del campo di gioco, l’inibizione per i dirigenti e addirittura dei punti di penalizzazione da scontare nella stagione in corso in caso di recidiva. In quel caso, la Juventus suggeriva a Pecoraro di rivolgersi a Marotta perché Agnelli non si occupa dei biglietti. A quel punto, la Procura federale ha prorogato i termini di altri venti giorni per consentire all’amministratore delegato bianconero di rispondere e di contribuire al fascicolo. La doppia inchiesta sui biglietti imbarazza parecchio la Juventus, soprattutto per le connessioni con la malavita e per i risvolti drammatici come il suicidio di Raffaello detto “Ciccio” Bucci, considerato l’intermediario fra la dirigenza e la tifoseria. 

di Fabio Noviello

Vedi Anche

A.V. Ercolanese 1924: firma Tedesco

11 luglio 2017 – Continua la campagna di rafforzamento dell‘A.V. Ercolanese 1924 che annuncia la …