Da Parigi all’Asia

La sempre crescente ansia generata dagli attacchi di Parigi porta i governi occidentali ad accelerare e migliorare l’offensiva contro il Da’esh. Dall’ultima conferenza svoltasi a Londra giovedì è emerso che l’impegno previsto è di almeno due anni. Ma c’è un’altra preoccupazione, quella dei foreign fighters. Problema comune all’Occidente, ma anche a tutti quei paesi che gravitano nell’area dell’Asia Centrale.

di Redazione

Vedi Anche

La situazione libica ed ucraina

Nella puntata del 20 febbraio 2015 di ‘Caffè geopolitico‘ Monica Mazza ha parlato di Libia …