Home / Verso Latina / Tornando dalla Giornata della memoria

Tornando dalla Giornata della memoria

Latina. Si è tenuta oggi la XIX ‘Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime di mafie’. Migliaia le persone intervenute nel capoluogo laziale per gridare a gran voce contro le mafie e le illegalità, per ricordare i nomi delle vittime innocenti. Perché il ricordo resti vivo, non solo in questa manifestazione, che si celebra ogni anno dal 1995.

Latina è un territorio di confine tra due regioni, quali il Lazio e la Campania, dove l’azione criminale si intreccia e, checché ne possa dire la classe politica, non si arresta, anzi progredisce, come le cronache di ogni giorno dimostrano. Lo stesso don Luigi Ciotti lo ha ribadito dal palco nella tarda mattinata di oggi. Nonostante non si possa generalizzare, una grande fetta della rappresentanza politica, a tutti i livelli, è collusa con le organizzazioni criminali, con i poteri forti ed è più attenta ai propri interessi che a quelli comuni.

Come ogni anno anche a Latina la partecipazione dei giovani delle scuole provenienti da tutt’Italia è stata massiccia ed ha animato il corteo prima e la piazza poi. La lettura dei nomi delle vittime dal palco è stata alternata da più voci, tra le quali quelle di Nando Dalla Chiesa, Antonio Ingroia e Giancarlo Caselli.

A margine della manifestazione abbiamo raccolto le impressioni di alcune persone accorse a Latina che saranno disponibili a breve sul sito per il passaggio durante il palinsesto del sabato di Radio Siani.

Ciro Oliviero

di Redazione