Home / Magazine / WebGiornale / Cultura / Speciale Premio Bianca D’Aponte 2021 : le interviste live alle finaliste e agli ospiti al Teatro Cimarosa di Aversa

Speciale Premio Bianca D’Aponte 2021 : le interviste live alle finaliste e agli ospiti al Teatro Cimarosa di Aversa

Lo scorso 22 e 23 Ottobre si è svolta presso il Teatro Cimarosa di Aversa la 17 Edizione del Premio Bianca D’Aponte evento in Italia dedicato al cantautorato femminile. Abbiamo chiesto alle finaliste del Premio la loro emozione e il loro percorso musicale che le ha portate a calcare  uno dei palchi più importanti in Italia per quanto concerne la musica emergente. Ai nostri microfoni poi sono intervenuti anche ospiti in programma come : gli Still Life, Monica Sannino, Giovanni Truppi, Marco Martinelli e gli Alunni del Liceo Musicale Cirillo Di Aversa.

Valentina Polinori

Radio Siani: Ciao Valentina, presentati agli ascoltatori di Radio Siani e dicci che emozione sarà per te salire su un palco così importante.

VP: Sono Valentina Polinori, vengo da Roma e porto il brano “Bosco” tratto dal mio ultimo disco “Trasparenti” uscito a Febbraio 2020. Il mio percorso musicale si unisce al mio lavoro di insegnante di storia dell’arte. La mia idea di musica è molto intimista e legata alla narrazione e ai racconti. Ho già pubblicato due dischi “Trasparenti” e “Immobili”. Sono molto felice di essere stata scelta tra le dieci finaliste, per me è un occasione stupenda perchè il Premio Bianca D’Aponte è un iniziativa che valorizza i cantautori emergenti, quindi sono entusiasta di farne parte.

Giove

Radio Siani: Parlaci del tuo percorso musicale e quale brano porterai in finale.

Giove: Io sono Giove, vengo dalla provincia di Torino e inizio come musicista di pianoforte. La mia vena di cantautrice è subentrata dopo, alle scuole medie,completamente da autodidatta. Scrivevo canzoni prettamente in inglese, poi ho iniziato a scriverne in italiano definitivamente. Tre anni fa, mi sono avvicinata alla produzione (dei mei lavori) e questa sera porterò sul palco il brano “Fisarmonica”che parla principalmente di un amore non corrisposto,mentre domani sarò in gara con il brano gli “Indifferenti”, nato in periodo di quarantena, che parla di come a volte alla volte ci lasciamo andare, lasciando che le cose accadono, piuttosto che farle accadere. Due brani legati da un filo conduttore, completamente piano e voce.

Alessandra Pirrone

Radio Siani: Alessandra benvenuta e parlaci di come ti presenterai in gara al Premio Bianca D’ Aponte

AP: La passione per la musica nasce da piccola, grazie a mio padre, anche lui  cantautore e musicista. Poi grazie alla cultura siciliana e alla mia terra, mi sono trovata a scrivere, raccontare le mie esperienze. Scrivere e fare musica erano simbiosi, quindi nel 2005 ho iniziato il percorso di cantautorato. Il brano che presenterò si chiama “Già si Foco”nato dall’eruzione dell’Etna, dove una sera mi sono ritrovata estesiata ad ammirare e a mettere tutto in musica. Dopo un periodo di live, jam session adesso mi ritrovo felicemente a narrare la mia terra.

Anna e L’appartamento e Francesco Lettieri.

Radio Siani: Anna raccontaci come nasce il tuo nome e un pò del tuo percorso musicale passato e quello attuale.

Anna e L’Appartamento: Anna è un abbreviativo del mio nome, in realtà mi chiamo Anastasia e l’appartamento è una sorta di rappresentazione del mio mondo musicale, dove io mi immergo e sto li a scrivere le mie canzoni. C’è un forte vincolo con il brano che porto stasera, infatti si intitola “Provvisoria”, in quanto è un brano che funge un pò da declinazione del mio status di abitante , sempre alle prese con traslochi, tutto ciò nasce da idee e percorsi racchiusi appunto nel mio mondo de “L’Appartamento”. Ho all’attivo vari singoli sulle varie piattaforme digitali e prossimamente ci sarà il mio progetto musicale. Sarò accompagnato al piano dal mio amico e musicista Francesco Lettieri.

Francesco Lettieri : Sono molto emozionato nell’ accompagnare Anna al piano e non vediamo l’ora di farvi ascoltare il brano, che a me personalmente ha toccato particolarmente.

Ferruccio Spinetti

Radio Siani: Qui con noi abbiamo  il Maestro Ferruccio Spinetti, musicista di livello internazionale , che non ha bisogno di presentazioni. Vorremmo sapere quale è stato il percorso di avvicinamento a questa edizione e cosa vedremo in queste due serate.

Ferruccio Spinetti: Innanzitutto c’è una forte emozione perchè si può al 100 % in presenza e questo per noi che facciamo questo lavoro è una regalo stupendo, perchè ti assicuro per noi musicisti che facciamo questo con estrema passione, suonare per un anno e mezzo in streaming, davanti ad una telecamera ci ha portato una sottile vena di tristezza, sia umanamente che come artisti. Nelle due serate, avremo come da tradizione saliranno sul palco prima le dieci finaliste e poi si alterneranno tanti ospiti nazionali e internazionali, che verranno qui ad Aversa a titolo gratuito, questo mi piace sottolinearlo perchè fa intendere cosa rappresenti per gli artisti questo evento. Questa sera avremo con noi Giovanni Truppi, Mariella Nava insieme a Rossana Casale e Grazia Di Michele, gli Still Life che sono un gruppo fortissimo da Barcellona, il maestro Peppino Di Capri che riceverà dal sindaco di Aversa il premio alla carriera. Domani avremo tra gli ospiti Mannarino, Cristina Donà, Tricarico e ovviamente la madrina Chiara Civello.

Radio Siani: Un suo punto di vista, su l’importanza del cantautorato femminile in Italia

Da anni in Italia abbiamo tantissima musica bella , senza distinzioni di generi, sia uomini che donne. Il problema per le ragazze è lo stesso di quello per il cantautorato maschile, spesso è difficile trovare un palco e un pubblico dove esprimersi, si ha sempre l’idea che il cantautore sia legato ad una immagine di tristezza infinta, invece ti potrei fare tanti esempi (vedi Truppi, Mannarino, Donà) dove questa musica è si di introspezione ma ci fa compagnia anche durante un viaggio. Quindi io dico che il cantautorato è in ottima forma e il nostro premio ne è un esempio vivente. Quest’ anno ci sono pervenute 250 domande ma ne abbiamo dovuto purtroppo selezionare solo 10. Se calcoliamo che ogni ragazza ha inviato due brani , la seleziona è stata fatta tra 500 canzoni. Una bellissima risposta e un lavoro di ascolto e selezione  molto bello e intenso, portato avanti dai ragazzi dell’Associazione Bianca D’Aponte del Comitato di Garanzia composto da 60 giurati tra giornalisti, musicisti e produttori. Tutto questo amore e questa attenzione verso di noi, ovviamente ci riempie di gioia.

Vitto

Radio Siani: Parlaci di te, del tuo percorso e cosa ci farai ascoltare sul palco

Vitto: Ciao a tutti, io sono Vitto e sono una cantautrice, ho partecipato a diversi concorsi importanti, sono stata finalista a Castrocaro nel 2016, ad X Factor 2019 sono stata nel team di Elettra Lamborghini e nel 2020-2021 sono state tra le finaliste di Deejay on Stage. Stasera sul palco porterò il mio brano “Gandhi” che racconta di un amore giovanile, tra domande e riflessioni sul futuro. Questo brano è nato in maniera molto veloce, come un flusso di coscienza, non parla di una storia mia, ma di un ispirazione di storie di vita vissuta e da quello che mi gira intorno.

Francesca Tessitore ( Alunna Progetto del Liceo Musicale Cirillo di Aversa)

Radio Siani: Ciao Francesca, parlaci del progetto che porterete sul palco

FT: Abbiamo creato questo progetto da un brano donatoci dal padre di Bianca, occupandoci del riarrangiamento. In un certo senso abbiamo fatto rivivere Bianca, con la nostra musica. Un pezzo che ci è entrato nel cuore. Il lavoro è durato un anno insieme al produttore Paki Di Maio , il professore Emilio Di Donato e la 5 M. Un esperienza meravigliosa, che resterà nel nostro cuore per sempre, grazie a Bianca che ci ha trasmesso il suo esempio.

Roberta De Gaetano

Radio Siani: Ciao Roberta, parlaci del tuo percorso che ti ha portato al premio e che brano ci farai ascoltare.

RDG: Io ho già partecipato al premio tre anni fa, un evento fantastico in un clima pazzesco!. Ho all’attivo otto singoli e stasera suonerò “Non Ci Sarò”e domani suonerò invece “Bisogni Primari”, il primo affronta il tema della violenza di genere, mentre il secondo parla appunto del bisogno di ognuno di noi di mettere insieme alle passioni, le esperienze di vita quotidiana.

Claudia Salvini

Radio Siani: Ciao Claudia, raccontaci il tuo universo musicale e i brani che porti al Premio.

Claudia Salvini : Nell’ultimo anno ho lavorato al mio primo album e invece i miei due singoli “Madame Bovary” e “ Stop” sono disponibili su tutte le piattaforme digitali. Il brano che porterò stasera si chiama “Dentro ai sogni” e lo canterò accompagnato da la mia seconda chitarra acustica David Pirelli. Il brano è stato scritto in periodo di pandemia, con l’esigenza di scrivere di un mondo diverso, dando attraverso la musica un messaggio di speranza. Sicuramente posso dire che nel mio prossimo album ci sarà la donna come concetto di femminilità.

Miriana Faieta

Radio Siani: Ciao Miriana, parlaci del tuo mondo musicale e dei tuoi progetti che ti hanno portato al Premio Bianca D’Aponte.

MF: Io sono in realtà una cantante di jazz, neonata nel mondo del cantautorato. A Giugno ho pubblicato un album per la Sound Village Records, intitolato “Racconti”. I due brani che porterò stasera in scena sono contenuti in questo progetto e stasera porterò il brano “ Lo chiami Dio”, tratta della volontà di concepire Dio con un bisogno di umanità. Ho unito da sempre la musica ai libri , in maniera parallela. I grandi classici jazz, sono stato da sempre il mio riferimento.

Olivia XX

Radio Siani: Olivia parlaci di te e della tua musica.

Olivia: Il mio percorso artistico è legato al ballo,poi ho deciso di cantare e scrivere canzoni. Ho seguito un percorso al CET di Mogol, stasera porterò il brano “Serotonina” che parla di tristezza e della reazione fisica e mentale a questo stato. Le due XX stanno a significare il cromosoma femminile

Monica Sannino

Radio Siani: Monica innanzitutto come stai e come è cambiato il  tuo percorso musicale dopo la vittoria dell’edizione 2020 al Premio Bianca D’ Aponte.

MS: Questo ultimo anno è stato un anno pieno di emozioni grandissime. Diciamo che il Premio Bianca D’Aponte ha rappresentato per me un cambiamento psicologico, figlio delle tante dimostrazioni di affetto ricevute. Nel frattempo posso dire che il mio approccio alla musica è cambiato, sperimentando ma creando comunque un qualcosa di fruibile. Mi sto occupando prevalentemente dei live. La vittoria dell’anno scorso è stata straordinaria ed inattesa, mentre quest’ anno per la pandemia ed essendo a casa ho scritto tantissimo. Sto preparando una raccolta di canzoni nel mio prossimo progetto, un percorso che sto facendo in maniera dediziosa e laboriosa. La vittoria rende sicuramente meno soli . Nei miei ascolti cè tanta musica rock.

Giovanni Truppi

Radio Siani: Giovanni sarai ospite domani al Premio Bianca D’Aponte. Tu sei una voce giovane ma nota nel panorama musicale nazionale, quali sono i tuoi riferimenti come cantautore?

GT: Essendo cantautore in Italia ed ampliando i miei orizzonti, sicuramente sono legato ai cantautori degli anni 70′. Il mio percorso musicale è sicuramente quello standard, dalle cantine, ai live, e poi mano dall’ autoproduzione sono passato a firmare per un etichetta. Parlando con qualche collega, la pandemia potrebbe essere stata “utile” per una fase di creazione, ma questo lo vedremo tra qualche tempo. Attualmente mi sto dedicando alla scrittura.

STILL LIFE

Radio Siani: Voi siete un duo internazionale, che emozione è stata al premio Bianca D’Aponte?

SL: Ciao Radio Siani io sono Margherita e qui ce Joao e il premio è stato un emozione grandissima, il nostro duo nasce da due parole: coincidenza e destino. La nostra unione nasce casualmente nella Rua dell’Allegria in Portogallo e da allora già avevamo in mente questo progetto. Tre anni fa abbiamo lavorato pubblicato due cd, e siamo in lavorazione per il terzo. A marzo speriamo di concludere quest’ultimo progetto e stiamo lavorando anche in altre collaborazioni. Noi siamo artisti legati alla musica mediterranea, ma anche a quella balcanica e brasiliana. Con la musica camminiamo!

Marco Martinelli

Radio Siani: Marco che emozione proverai a calcare questo palco?

MM : Sarà un emozione grandissima, ed un onore enorme. Qui tutto è una magia. Quest’ anno ho concluso un progetto per Tim Vision dove raccontavo le scienze ai bimbi. Io mi occupo di scienze e da li poi pian piano è nato il brano “Molecole D’Amore” che canterò stasera. Tra arte e scienza  cè una connettività uguale a quella della creazione di un brano, tutto è corrisposto.

Sergio Cimmino

Vedi Anche

Premio Terre di Campania, arriva l’ottava edizione nel segno di Dante e Caruso

Venerdì 10 dicembre, alle ore 19:00, si terrà la cerimonia di premiazione presso il Santuario …