Home / Uncategorized / Agnese Carruba : “ I nostri passi nel nome di Peppino Impastato”

Agnese Carruba : “ I nostri passi nel nome di Peppino Impastato”

Il coro del Liceo Maurolico di Messina diretto dalla musicista Agnese Carruba ha ottenuto in poco più di una settimana quasi 60 mila views grazie al riarrangiamento corale e lirico del brano dei Modena City Ramblers “ I Cento Passi” ispirato dall’omonimo film di Marco Tullio Giordana con protagonista Luigi Lo Cascio.

Un riadattamento musicale e video di assoluto valore sia morale, civile che artistico passato subito all’attenzione dei media nazionali. Un liceo il Maurolico che fa del territorio, della legalità e dei valori sociali il suo punto di forza, mettendo al centro il sacrificio, la dedizione e la costanza, ponte tra passato e presente, nel nome di Peppino Impastato e dei tutti principi civili della nostra società. In questa intervista con la direttrice del coro Agnese Carruba , ci parla della nascita, della genesi e anche dei vari aspetti strutturali di tutto il progetto, nato per passione e per amore di legalità.

Agnese, partiamo dall’inizio. Quanto è importante la memoria, per chi ama la vostra terra come voi, di Peppino Impastato e dei valori della legalità in un momento storico come quello attuale?

Sicuramente la memoria è molto importante, io sono una siciliana doc, nata e cresciuta a Messina, i miei genitori sono siciliani, mi sta molto a cuore la tematica della legalità, in particolar modo ho trovato terreno fertile presso l’istituto Maurolico perchè la mia preside Giovanna Di Francesco era da diversi anni che mi chiedeva di fare un brano che avesse a che fare con legalità. Proprio perchè essendo legata al tema, non riuscivo a trovare il brano giusto, che potesse rispecchiare a pieno l’idea, senza diventare banale o leggera, come cosa. Dopo tanti anni di collaborazione con i ragazzi, sono giunta a conclusione che il brano giusto poteva essere proprio questo dei “Cento Passi” dei Modena City Ramblers, apprezzando sia la versione originale che il film, che reputo grandioso girato diversi anni fa.

Cosa ha letto negli occhi dei suoi ragazzi durante tutta la fase di strutturazione del progetto?

E’ stato particolarmente emozionante lavorare con ragazzi di questa età. Perchè inizialmente quanto ho scelto il brano, nonostante gli avessi fatto ascoltare la tematica, e averglielo proposto, temevo che non poteva essere compreso sino in fondo. In realtà i miei dubbi sono stati smentiti praticamente quasi subito, perchè non solo molti di loro conoscevano già il brano, pur non essere temporalmente “giovane”, ma sono stati contentissimi quando glielo proposto, non solo per la scelta musicale in sé, perchè gli piaceva anche musicalmente. Ma soprattutto per la tematica, che si collegava a Peppino Impastato, alla sua storia, insieme abbiamo poi riapprofondito l’argomento, quando hanno interpretato la parte video, ho chiesto di immedesimarsi nella parte storica. Mi interessava che il lavoro finale fosse la stessa emozione che a distanza di moltissimi anni, avrebbe voluto trasmettere lo stesso Peppino.

Il coro Maurolico ha una storia ventennale, con numerosi maestri che si sono susseguiti e ha vinto negli anni numerosi e prestigiosi riconoscimenti. Negli anni passati era stato mai affrontato un progetto di impegno civile cosi importante?

Nonostante il Liceo Maurolico non sia un istituto musicale e non si studi musica, ce sempre stata un attenzione particolare per la musica e l’arte in generale. La scuola ha sempre avuto progetto collaterali anche nel campo teatrale e dello sport. La musica , ed in particolare il coro è un attività che esiste da vent’anni. Nel Dicembre del 2020 abbiamo festeggiato i vent’anni del coro con una esibizione grandissima, con tutti i coristi storici, i tre maestri Giovanni Mirabile, Dario e la sottoscritta. Mi sono trovata a dirigere ragazzi che praticamente erano miei coetani, è stata un emozione grandissima. Negli ultimi 4 anni di mia direzione del coro, abbiamo fatto un riarrangiamento dell’Inno d’Italia, utilizzando la lingua dei segni, con l’ausilio di una corista con impostazione lirica , insieme a tutti gli altri ragazzi. Questo è stato il progetto di impegno civile che ha aperto la strada al progetto “Cento Passi”.

Quanto è durata la cura e l’elaborazione della parte musicale con tutti gli arrangiamenti ?

In accordo con la preside Giovanna Di Francesco abbiamo deciso di portare avanti due video. Il primo “Human”, un brano della tradizione pop degli ultimi anni e poi i “Cento Passi”. Gli arrangiamenti curati da me personalmente, sono frutto di un lungo periodo di creatività. Ho dovuto creare, immaginare ed individuare, l’assegnazione delle parti soliste, bilanciando il tutto con il coro anche esso strutturato su una musicalità esecutiva leggera. Nello specifico i solisti sono stati eseguiti singolarmente, supervisionando le registrazioni audio, con eventuali correzioni, finchè non erano come avevo previsto. Prima però è stato fatto un lavoro di impostazione della voce, con delle linee guida ben precise, creando una perfezione vocale , come la eseguivo io, nei vari range vocali. La raccolta di tutto il materiale audio e vocale è stata quella piu lunga ed estenuante. Mentre quella creativa devo dire è stata bella , in particolar modo per i “Cento Passi”, sopratutto nella sezione della scrittura. Il video abbiamo scelto di girarlo a scuola, unendo cosi il legame con il passato e il momento storico, alla vita musicale e scolastica dei ragazzi.

Poi sono arrivati i complimenti delle istituzioni, degli stessi Modena City Ramblers, ma anche della nipote di Peppino Impastato. Come hanno reagito i ragazzi?

La fase dei complimenti è stata un emozione grandissima, erano tutti felicissimi. L’emozione piu grande è stata quella di quando Luisa Impastato, la nipote di Peppino e dell’onorevole Claudio Fava, mi ricordo che in quel momento mi trovavo all’estero, i complimenti ricevuti da un istituzione cosi importante, ma anche dallo sceneggiatore del film, è stata un emozione enorme. Ma anche i complimenti dei MCR, è come prendere o tutelare un qualcosa di artistico, è sempre un rischio , bisogna avere dedizione e cautela, invece vedere che loro hanno dimostrato cosi tanto affetto è stato davvero emozionante.

Nel video emerge tutta la determinazione, la voglia di cambiare come dice il testo, e l’energia dei giovani che credono che una strada all’illegalità è possibile. Che momenti sono stati durante le riprese?

Una delle cose che più che mi ha colpito di questo percorso, è stato proprio l’itinere. Non è stato semplice, nella fase di lockdown per i ragazzi. Mentre in “Human” avevamo avuti 36 coristi, qui ne avevamo 27. Altri non hanno avuto la forza di continuare, presi dai tanti impegni scolastici. Proprio per questo ho scelto di farlo a scuola, proprio perchè loro si sentissero in uno spazio protetto “a casa loro”, presenti sulla scena. Questo ha funzionato, i ragazzi, nonostante i tanti sacrifici miei personali e i loro, si sono uniti a me nel nome di Peppino, nella sua storia e nelle sue battaglie. Perchè le persone che hanno ispirato il brano e la pellicola se lo meritano, quindi alla fine la coesione e la motivazione hanno vinto su tutto.

La spinta e gli attestati di affetto sono stati davvero numerosi, avete altri progetti in cantiere per il prossimo anno?

Abbiamo raggiunto oltre 60 mila views in un poco più di una settimana, con tantissimi attestati di stima e affetto. Noi che siamo sempre stati un istituto che ha messo sempre al centro l’umiltà e il lavoro di gruppo, ma anche il voler far bene e realizzare prodotti di ottimo profilo. Il successo non ce l’aspettavamo certamente, ma per i progetti futuri abbiamo già ricevuti inviti dalla “Casa Memoria di Peppino Impastato” e da suo fratello Giovanni Impastato, dallo stesso Claudio Fava che ci ha inviato a Palermo. Abbiamo vinto un premio sulla legalità ai “Giardini Naxos” che ritireremo a settembre. I nostri passi, ci indicheranno la strada giusta per far bene, sempre.

 

Sergio Cimmino

Vedi Anche

Gambling michaelleadingham Alongside Paypal In UK

Records 100 % complimentary Suits. Using dissipated helpful hints people besides become geared up to …