Home / Magazine / WebGiornale / Cultura / Riprendono le attività della Fondazione Portici Campus.

Riprendono le attività della Fondazione Portici Campus.

Eletti presidente e vicepresidente il professor Danilo Ercolini e il dottor Ezio Terzini

Lo scorso 19 febbraio presso la sede legale della Fondazione Portici Campus, il Comitato scientifico si è riunito e ha eletto presidente il professor Danilo Ercolini, direttore del Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II, e vicepresidente il dottor Ezio Terzini, direttore di ENEA di Portici.

Il Comitato scientifico è composto da:
• dottoressa Ersiliana Anzalone,
• dottoressa Marina Bufacchi,
• dottor Francesco Castagna,
• dottoressa Stefania Grillo,
• dottor Antonio Limone,
• professor Paolo Masi,
• dottoressa Michelina Ruocco,
• dottor Rosario Savino
• dottor Andrea Scaloni.

Il prossimo incontro del Comitato scientifico si terrà martedì 2 marzo 2021 per approvare il programma scientifico e culturale della Fondazione per il prossimo triennio e l’attività divulgativa da inserire nella decima edizione del progetto Portici Meta del Turismo Scientifico in Campania, creato, curato e diretto dal direttore generale dottor Bruno Provitera.

La Fondazione Portici Campus fu istituita nel 2006 e riconosciuta dalla Prefettura di Napoli nel 2010. Diretta dal dottor Bruno Provitera Fino al 2013, la carica venne riconfermata alla ripresa delle attività nel febbraio 2018, data che segnò l’ingresso della Regione Campania come socio istituzionale.

La Fondazione con il progetto Portici Meta del Turismo Scientifico in Campania tende a valorizzare i centri di ricerca del territorio, portando a conoscenza di tutti, in particolare delle scuole di ogni ordine e grado dell’area vesuviana, del grande patrimonio artistico, paesaggistico, culturale e scientifico del territorio. Intende perciò favorire la sinergia di queste eccellenze attraverso un approccio turistico- scientifico, un attrattore in grado di catalizzare la presenza di visitatori non solo dall’Italia ma da tutto il mondo.

 

cs

di RockG

Vedi Anche

Almamegretta: “Il Mediterraneo un mare di morte, con Sanacore realizzammo le nostre idee”

A 25 anni di distanza dall'album che segnò la carriera artistica degli Almamegretta la storica band partenopea torna con una versione rimasterizzata di “Sanacore”, disco fondamentale della cultura musicale italiana degli anni 90', disponibile in fisico e digital remaster con l'aggiunta di due brani inediti d'archivio: “Tamms Dub” e “Heartical Dub,”un dub prodotto da da D.raD e un pezzo strumentale mixato da Adrian Sherwood ( produttore discografico e dub master britannico).