Home / Magazine / WebGiornale / Politica / Renzi: “Non possiamo non pensare a finanza”

Renzi: “Non possiamo non pensare a finanza”

Come prevedibile il premier italiano Matteo Renzi non ha letto il documento con i punti chiave dell’Italia per la guida del semestre europeo che parte oggi. Come ha dichiarato il testo preparato sarà messo agli atti e consegnato a tutti i deputati. Renzi ha parlato a braccio, facendo riferimento alla stanchezza accumulata dall’Europa, dicendo che sarebbe questo il selfie dell’Europa ad oggi.

Con al suo fianco il ministro degli Esteri italiano Federica Mogherini Matteo Renzi ha detto che l’Europa è una frontiera, ma che sul tema dell’immigrazione deve essere più protagonista, perché l’Africa deve vedere su questo tema maggiore protagonismo da parte dell’Unione. Ha fatto riferimento alla Libia e all’Ucraina.

La finanza. “Non possiamo non pensare alla finanza. Lo dico da presidente di uno dei Paesi costituenti dell’Unione – ha detto Renzi -, ricordando che il patto di stabilità prevede anche la crescita. La stabilità c’è. Senza crescita l’Europa non ha futuro”.

Coraggio e orgoglio. Un passaggio importante Renzi lo ha fatto aprendo il semestre europeo di presidenza italiana al dialogo. “Si apre oggi una battaglia politica comune anche con chi ha idee diverse”, ha dichiarato il presidente del Consiglio italiano, facendo chiaro riferimento ai deputati euroscettici e al Regno Unito. “Senza Regno Unito sarebbe meno Europa”, ha detto Renzi.

Ciro Oliviero

Vedi Anche

Biotestamento, il testo arriva alla Camera

Arriva in Aula alla Camera il Biotestamento. Il testo sulle ‘Disposizioni anticipate di trattamento, composto da …