Home / Magazine / WebGiornale / Cultura / A Napoli l’anteprima de ‘Le pareti della solitudine’

A Napoli l’anteprima de ‘Le pareti della solitudine’

L.e.s.s. Onlus e Zéro de Conduite, in collaborazione con Archivio Fotografico Parisio – Cirem, presentano la videoproiezione dello spettacolo teatrale ‘Le pareti della solitudine’ di Tahar Ben Jelloun regia: Prospero Bentivenga adattamento del testo: Giusi Marchetta, Prospero Bentivenga con: Anselme (Burkina Faso), Souleymane (Burkina Faso), Nestor (Burkina Faso), Alassane Doulougou (Burkina Faso), Maryia Lialiuk (Bielorussia), Madhu Alosius (Sri Lanka), Oumarou (Burkina Faso). Sono esclusi i cognomi dei richiedenti asilo.

Il debutto di questo lavoro al Napoli Teatro Festival – Fringe nel 2009, nell’ambito della Campagna “Io accolgo un rifugiato” 2009 realizzata dalla L.E.S.S., fu una vera novità, tanto da richiedere un supplemento di repliche per soddisfare la richiesta del pubblico.
Per la prima volta a Napoli una compagnia multietnica diretta da Prospero Bentivenga, andava in scena con un racconto scritto sul corpo degli attori.
Il regista e Giusi Marchetta hanno utilizzato la lirica e la denuncia del testo per comporre una drammaturgia corporea ambientata in un carcere.
Le pareti della solitudine è una denuncia poetica del razzismo. L’obiettivo finale è portare lo spettatore, come dice Tahar Ben Jelloun, ad essere “un ladro di bruta realtà”.
“Ho voluto più attori”, dice il regista, “ad interpretare quello che potrebbe essere il caleidoscopico urlo di un uomo solo e disperato, affinché possano esser testimoni di questa moltitudine di vite sospese”.

Comunicato stampa

Vedi Anche

DIRETTA del Convegno “Il mare, un volano per il turismo” – Chi tene ‘o mare – Festival del Mare del Miglio d’Oro

Riflessione e dibattito sul potenziamento e la riqualificazione delle aree costiere nell’ambito di Chi tene …