Scorta per Lliana Segre: sopravvissuta ad Aschwitz, oggi ci ricorda che il nazismo può tornare.

Scritto da  Pubblicato in Cronaca Giovedì, 07 Novembre 2019 15:48

Uscita viva dai campi di concentramento della seconda guerra mondiale, ma in pericolo a 89 anni per sentimenti di odio e xenofobia nel 2019.

Troppe le minacce per Liliana Segre, tra i pochissimi testimoni ancora in vita dei campi di sterminio nazisti. Dopo i suoi recenti interventi in Senato, spesso non apprezzati da alcuni rappresentanti politici vicini alla destra, Liliana Segre è stata oggetto di diverse minacce personali sui social, ma anche con striscioni da parte di alcuni esponenti di Forza Nuova.

 

E così il Comitato per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal prefetto di Milano Renato Saccone, ha deciso di assegnare la tutela personale a Liliana. La senatrice a vita sarà accompagnata costantemente da due carabinieri. La necessità di tutelare l'incolumità di Liliana Segre è un episodio ritenuto da rappresentanti delle istituzioni, da molti politici e da esponenti della cultura italiana ed europea un fatto estremamente grave. Sottolinea la presenza nel nostro paese di un sentimento di odio razziale che da silenzioso e latente risulta sempre più manifesto ed evidente.

 

Liliana Segre è stata nominata senatrice a vita dal Presidente della Repubblica Mattarella lo scorso anno.
Nata a Milano il 10 settembre 1930, in una famiglia ebraica, Liliana fu espulsa da scuola nel 1938 a causa delle leggi razziali. Dopo essersi nascosta per lunghi periodi, nel 1944 venne catturata dai nazisti e deportata con gran parte della sua famiglia (che non rivedrà più) verso il campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Col numero di matricola 75190 tatuato sul braccio viene messa ai lavori forzati presso la fabbrica di munizioni "Union" della Siemens. Venne liberata dall'esercito russo il primo maggio 1945. Su 776 bambini italiani, solo 25 sopravvissero ai lager di Aschwitz.

 

 

Valerio Di Salle

Iniziative Radio Siani

Premio Luchetta 2018 a Radio Siani, Grazie e avanti tutta

Premio Luchetta 2018 a Radio Siani, Grazie e avant...

“… Fare numero, essere in tanti non è solo importante, ma è proprio fondamentale… noi siamo Giancarlo Siani, noi che scr...

Il documentario Dieci storie proprio così in onda su Rai 1 domenica 8 aprile ore 24.00 speciale TG1

Il documentario Dieci storie proprio così in onda ...

Domenica 8 aprile all’interno dello speciale TG1 ore 24.00 sarà trasmesso il documentario, prodotto da RAI CINEMA e JMOV...

Il brindisi di Natale di Radio Siani con il Procuratore Filippelli, la sua squadra e la famiglia Barbaro

Il brindisi di Natale di Radio Siani con il Procur...

Anche quest'anno si è svolto il tradizionale brindisi natalizio presso il bene confiscato al corso Resina di Ercolano (N...

«
»

Tweets

Radio Siani
RT @Fgs_Fondazione: Solidarietà a #MarioDeMichele. La camorra ha sparato contro la sua auto, nel pomeriggio di ieri, nella zona periferica…
Radio Siani
RT @SianiPaolo: Giancarlo dopo 34 anni dalla sua morte, è cittadino onorario alla memoria della città di Torre Annunziata. il consiglio com…
Radio Siani
In memoria di #SalvatoreBarbaro, #vittimainnocente di camorra: appuntamento il #13novembre nel decimo anniversario… https://t.co/EjMXnenY95
Follow Radio Siani on Twitter

Sponsor Tecnologico

Contact Us

  • Address: Corso Resina n° 62 80056 Ercolano NA
  • Tel: +(039) 08119700927
  • Fax: +(039) 08119700927
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Website: www.radiosiani.com
  • YouTube: RadioSiani
  • Facebook: Radio Siani la Radio della Legalità
  • Twitter: @RadioSiani
  • Instagram: @radiosiani