Un piccolo favore

Scritto da  Pubblicato in Recensioni Giovedì, 20 Dicembre 2018 16:45

Stephanie, madre single diventa amica dell’affascinante, elegante ed elusiva Emily, a causa dei figli amici di scuola.

Emily scompare e  Stephanie ne parla nel suo video-blog di tutorial domestico; inoltre ne prende il posto nell’affetto del vedovo e del figlio. Di Emily iene ritrovato il cadavere; ma il mistero permane.  Il film (USA, 18) è tratto da un romanzo giallo omonimo di Darcey Bell del 17, pubblicato anche in Italia da Rizzoli: ma il regista e produttore del film Peter Feig l’ha reso qualcosa di diverso da un semplice mistery, come farebbe prevedere l’ossatura del racconto, cui la sceneggiatura è rimasta sostanzialmente fedele. Il bellissimo e molto articolato script è dello stesso regista e di Jessica Sharzer, specializzata in film di genere e serie tv.

 

Peter Feig è considerato uno dei padri della nuova comicità hollywoodiana al femminile. Parallelamente, ma distintamente, al lavoro di altri e noti produttori-registi come Judd Apatow e Seth Rogen, ha impostato in modi nuovi i canoni della comicità e della commedia brillante classica, che vedono ragazze e le donne come protagoniste,. Non più semplicemente “spalle”, ma esse stesse motori di comicità. Anzi in grado di cogliere in sede di scrittura, con più sottile aderenza e profondità di osservazione, le trasformazioni dell’universo femminile nelle condizioni della contemporaneità sociale, a partire dalle classi impiegatizie medio-basse, cui spesso appartengono.

 

Di classe operaia tradizionale ce n’è assai poca; ma sono rappresentate in quei ruoli le nuove figure produttrici di plusvalore da sfruttamento e precariato nel terziario intellettuale, in relazione alle moderne forme organizzative del capitale finanziario. Esse sono più raramente rappresentanti dell’alta borghesia imprenditoriale o delle professioni, cui siamo stati abituati. In ogni caso, sono per lo più tutto il contrario delle femmes fatales che eravamo soliti vedere, e che comunque rendono inconfondibile il fascino e il glamour hollywoodiano: sono imbranate bruttine come Anna Kendrick, la protagonista del presente film, che “scompare” letteralmente, e volutamente, di fronte all’incanto personale, non solo fisico, senza tempo di Blake Lively, che interpreta Emily. O sfigate poracce di nessuna attrattiva apparente come l’attrice regista e produttrice Kristen Wiig; o ciccione d’incontrollabile malagrazia, se non scorbutiche parolacciare e di ostentata voracità bulimica come Melissa McCarthy: ma forti e dirompenti come cicloni; o l’altra oversize come Amy Schumer,regista e fine spettatrice umoristica di dinamiche familiari. Sono attrici, registe e produttrici presenti nei film di tutti e tre. Sono donne dotate di autonomia intellettuale, sociale e di forte consapevolezza di genere: e che complessivamente hanno portato forti ritorni economici al box office.

 

 

Qui il conflitto tra le due è portato avanti con sottile sadismo. La ragazza-brutto anatroccolo -che però il regista non pensa minimamente a far diventare cigno- non è per niente una santarella: anzi spande un velo di pudibonda ipocrisia su alcune esperienze di affermazione decisa delle pulsioni dettate dal proprio eros, sfiorando senza particolare rimorso, il tabù dell’incesto, e altre esperienze di sessualità non edificante (diciamo così…) in famiglia, descritte sempre con disincanto e con distaccata e spigliata leggerezza. Eppure complessivamente tale cattiveria ci risulta simpatica. Perché gestita narrativamente con un attento e serrato equilibrio delle altre notazioni, illuminanti differenti aspetti, positivi, del suo carattere; e soprattutto con la messa in confronto delle stesse con negatività ancor più devastanti e cattive, benchè meno ostentate. Ma è l’aspetto dinamico che affascina: il fare e il dire, spesso in contrasto tra loro, in tutti i personaggi, vengono come amalgamati in un’ordinata e mossa onda narrativa che va al punto e assorbe, utilizza i singoli dettagli, senza perdersi. Un miracolo di tensione di scrittura.  Il personaggio di Stephanie è costruito con decisa e stratificata accuratezza: c’è questo, ma c’è anche altro; e quegli aspetti così disparati convivono armoniosamente.

 

Il tutto rimanda alla capacità di sopravvivere con spigliatezza e una (necessaria) dose di cinismo alla disavventura del vivere in una piccola comunità di paese dello “sprofondo”, quei paesotti che sono corona delle megalopoli, e che gravitano su di esse. E poi, posto che tutti i peccatucci di coppia si fanno in due, bisogna dire che, pur non essendo lei un demonio manipolatore, ha trovato chi le dà spazio e complicità: come quel baccalà del vedovo, ma bisteccone desiderabile. Il film rende più antipatica la bellissima Blake Lively, che invece è volutamente e impudentemente macchinatrice. Il suo charme copre un’esistenza agitata. Tuttavia nel sottofinale, il regista “recupera” ad una visione meno schematica pure lei. La bellezza un po' algida alla Rosamund Pike, cui è stata accostata per “L’amore bugiardo. Gone girl”, nel film la caratterizza molto incisivamente: lei stessa ci gioca con ironia e intelligenza. I suoi dialoghi, in realtà dei sanguinosi e aguzzi match senza sangue, con la Kendrick sono veloci e godibili. Il mio invito e auspicio è guardare questo film senza lasciarsi ingannare dal packaging apparentemente tradizionale della confezione: è un buon, anzi eccellente, film cattivo, non buonista. Tra l’altro molto divertente. 

 

 

Francesco Capozzi

Video

Iniziative Radio Siani

Premio Luchetta 2018 a Radio Siani, Grazie e avanti tutta

Premio Luchetta 2018 a Radio Siani, Grazie e avant...

“… Fare numero, essere in tanti non è solo importante, ma è proprio fondamentale… noi siamo Giancarlo Siani, noi che scr...

Il documentario Dieci storie proprio così in onda su Rai 1 domenica 8 aprile ore 24.00 speciale TG1

Il documentario Dieci storie proprio così in onda ...

Domenica 8 aprile all’interno dello speciale TG1 ore 24.00 sarà trasmesso il documentario, prodotto da RAI CINEMA e JMOV...

Il brindisi di Natale di Radio Siani con il Procuratore Filippelli, la sua squadra e la famiglia Barbaro

Il brindisi di Natale di Radio Siani con il Procur...

Anche quest'anno si è svolto il tradizionale brindisi natalizio presso il bene confiscato al corso Resina di Ercolano (N...

«
»

Tweets

Radio Siani
#TradizioneTeatro: ‘O Manifest - Mercato dell'Arte e della Civiltà | @NapoliTFI #AUDIO #GALLERY >>… https://t.co/anGMOoN6ft
Radio Siani
"Mai più soli contro il #racket e l’ #usura": presentato anche a Torre Annunziata il progetto #Antiracket. #GALLERYhttps://t.co/fpCDXqDWlf
Follow Radio Siani on Twitter

Sponsor Tecnologico

Contact Us

  • Address: Corso Resina n° 62 80056 Ercolano NA
  • Tel: +(039) 08119700927
  • Fax: +(039) 08119700927
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Website: www.radiosiani.com
  • YouTube: RadioSiani
  • Facebook: Radio Siani la Radio della Legalità
  • Twitter: @RadioSiani
  • Instagram: @radiosiani