Stampa questa pagina

Giù le mani dalla Masseria Antonio Esposito Ferraioli

Scritto da  Pubblicato in Legalità Lunedì, 12 Ottobre 2020 13:04

Appuntamento lunedì 12 ottobre alle ore 15.00, presso il Bene Confiscato con il presidente della Commissione antimafia Morra e i parlamentari autori dell'interrogazione.

“Giù le mani dalla Masseria 'Antonio Esposito Ferraioli'” è la manifestazione di solidarietà organizzata, dopo le ennesime minacce e intimidazioni, che avrà luogo, lunedì 12 ottobre alle ore 15, presso il Bene confiscato in via Lampedusa S.N.C. Afragola (accesso seguendo via Enrico Berlinguer nei pressi complesso commerciale Leroy Merlin) a cui parteciperanno oltre ai rappresentanti del Consorzio Terzo Settore, della Cgil di Napoli, della Cooperativa Giancarlo Siani, della Cooperativa l'Uomo e il Legno, dell'Associazione di Volontariato Sott' e' ncoppa anche il presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra, che ha così voluto rivolgere la propria attenzione e dell'intera Commissione alla vicenda.

 

Nel corso dell'iniziativa sarà illustrata l'interrogazione urgente a firma dei parlamentari Sandro Ruotolo, Valeria Valente e Paola Nugnes e indirizzata al ministro dell'Interno Luciana Lamorgese sui gravi atti intimidatori e ritorsivi, (esplosione di 21 colpi di pistola a salve, danneggiamenti e furti) contro la Masseria 'Antonio Esposito Ferraioli'.

 

Da tempo questo Bene confiscato, il più grande dell'area metropolitana di Napoli che comprende un fabbricato rurale non agibile di mille metri quadri e 12 ettari di terreni, circa 120 mila metri quadri, sottratti vent'anni fa ai clan, e che da tre anni è diventato un presidio di legalità grazie a un importante percorso di riuso sociale, è finito nel mirino di un coacervo di interessi affaristi e malavitosi.

 

cs