Youth, ancora una verità grazie a Sorrentino

Scritto da  Pubblicato in Recensioni Venerdì, 29 Maggio 2015 12:55

Paolo Sorrentino è il tesoriere di un'enorme ricchezza che nasce dalla malinconia negli sguardi dei suoi personaggi e dalle loro bocche colme di rassegnata speranza. Verità. Una verità che, certo, non è sempre facile cogliere, che gioca a nascondino e a cui piace starsene tra le ombre. Una verità che non si traduce in una rappresentazione positiva o negativa della realtà, dove il bicchiere non è mezzo pieno o mezzo vuoto ma semplicemente a metà. Certo, la chiaroveggenza del regista non ci è offerta gratuitamente e inoltre Sorrentino, stavolta, aveva tutto il diritto di prendersi una piccola e personale vendetta nei riguardi di quel grosso sciame di incoerenti intellettualoidi che dopo aver criticato La grande bellezza per mesi hanno cominciato a divinizzare l'orgoglio italiano agli Oscar. Da qui parte il suo gioco fatto di contraddizioni e paradossi, sentenze che costruiscono castelli di carta, empatie, certezze crollate e poi ristabilite. A dirla tutta il suo è un dono non indifferente: riesce infatti a muovere quei giusti tasti che avviano riflessioni che possono durare per settimane.

L'apertura del film è stata fenomenale: ascoltare You've got the love è quasi come portare nel concreto il proverbio "Il buongiorno si vede dal mattino". Un po' di contrasto tra il celebre singolo dei Florence and the Machine e la Raffaella Carrà dei bei tempi andati che metaforicamente resuscita in un remix all'inizio de La grande bellezza. Non starò ore e ore a parlarvi della trama e non per mancanza di zelo o perché esiste Wikipedia, semplicemente perché riportare la sinossi sarebbe una mortificazione del lungometraggio stesso e vi toglierei inoltre il gusto di lasciare che la storia si srotoli davanti a voi pian piano. In ogni caso concentrarsi sugli eventi è ancora una volta difficile ma soprattutto inutile. Il punto focale del film, infatti, non è costituito dalla successione di avvenimenti di particolare scalpore quanto dalla complessità dei personaggi e dai loro moti dell’animo. Sensazioni, sguardi e sentimenti nascosti rifugiati in un lussuoso albergo sulle Alpi. Il protagonista, Fred Ballinger, è interpretato magistralmente da un malinconico Michael Caine, un direttore d'orchestra che ha deciso di non dirigere più, rifiutando addirittura l'invito della regina d'Inghilterra. Al suo fianco Harvey Keitel, Mick, si impegna nella scrittura del suo film-testamento e Paul Dano, Jimmy, è un attore che vorrebbe fuggire dal suo passato di robot in un film commerciale. Attorno a questi tre personaggi principali ruotano diverse figure secondarie, come la figlia di Mick, Maradona (ammettiamolo tutti che l'attore è identico), un alpinista barbuto o una coppia che non si parla più (ma trova altri modi per comunicare) che comunque risultano in qualche modo indispensabili e regalano moltissimi spunti di riflessione.

Inutile precisare, quindi, che sono ancora una volta le personalità presentate sulla scena a tenere le redini con la loro umanità, la loro sofferenza, le loro insicurezze. L'intero film è pervaso da questa malinconia a tratti sottile, a tratti molto più esplicita, profondamente legata ai ricordi e inevitabilmente alla giovinezza. È stupenda la scena in cui Mick mostra come vediamo il passato e il futuro con il solo uso di un cannocchiale. La giovinezza si ritrova nei racconti di vecchi film prodotti, nel piede sinistro di Maradona, nell'isolata e meravigliosa sequenza di Fred che "dirige" un gruppo di mucche con i loro sonagli, gustando per un attimo il passato. Il titolo non deve però ingannare: i temi trattati nel film sono i più disparati e i più vicini a noi. Il rapporto tra padre e figlio, una forte amicizia fatta solo apparentemente di bei racconti ma sicuramente più profonda nella realtà, rimpianti e decisioni che vengono finalmente prese.

Non manca l'edonismo di Sorrentino nel portare sulla scena ambientazioni di un certo gusto estetico, una fotografia eccelsa (ancora Luca Bigazzi) e il ritorno di David Lang per le bellissime musiche. Anche se a Cannes i francesi ci hanno battuti su tutti i fronti rimaniamo contenti di questa nuova produzione, ricordandoci sempre che "le emozioni sono tutto quello che abbiamo".

Anna Scassillo

Iniziative Radio Siani

Premio Luchetta 2018 a Radio Siani, Grazie e avanti tutta

Premio Luchetta 2018 a Radio Siani, Grazie e avant...

“… Fare numero, essere in tanti non è solo importante, ma è proprio fondamentale… noi siamo Giancarlo Siani, noi che scr...

Il documentario Dieci storie proprio così in onda su Rai 1 domenica 8 aprile ore 24.00 speciale TG1

Il documentario Dieci storie proprio così in onda ...

Domenica 8 aprile all’interno dello speciale TG1 ore 24.00 sarà trasmesso il documentario, prodotto da RAI CINEMA e JMOV...

Il brindisi di Natale di Radio Siani con il Procuratore Filippelli, la sua squadra e la famiglia Barbaro

Il brindisi di Natale di Radio Siani con il Procur...

Anche quest'anno si è svolto il tradizionale brindisi natalizio presso il bene confiscato al corso Resina di Ercolano (N...

«
»

Tweets

Radio Siani
RT @Fgs_Fondazione: Solidarietà a #MarioDeMichele. La camorra ha sparato contro la sua auto, nel pomeriggio di ieri, nella zona periferica…
Radio Siani
RT @SianiPaolo: Giancarlo dopo 34 anni dalla sua morte, è cittadino onorario alla memoria della città di Torre Annunziata. il consiglio com…
Radio Siani
In memoria di #SalvatoreBarbaro, #vittimainnocente di camorra: appuntamento il #13novembre nel decimo anniversario… https://t.co/EjMXnenY95
Follow Radio Siani on Twitter

Sponsor Tecnologico

Contact Us

  • Address: Corso Resina n° 62 80056 Ercolano NA
  • Tel: +(039) 08119700927
  • Fax: +(039) 08119700927
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Website: www.radiosiani.com
  • YouTube: RadioSiani
  • Facebook: Radio Siani la Radio della Legalità
  • Twitter: @RadioSiani
  • Instagram: @radiosiani